· 

Vivere la Vita o lasciarsi vivere?

“Mamma da grande voglio fare la maestra”.
“Papà da grande voglio fare l’astronauta”.
“Mamma da grande voglio fare la scienziata”.

 

E poi ti ritrovi a svolgere un lavoro qualsiasi, quello che non ti fa battere il cuore, no, ma ti da uno stipendio a fine mese per poter mantenere te, la tua famiglia, i tuoi figli.

Si, perché ad un certo punto, man mano che crescevi, i grandi hanno iniziato a dirti “E’ difficile”, “bisogna studiare tanto”, “E’ un lavoro da uomini”, “meglio se ti trovi un lavoro “normale” e ti dedichi alla famiglia”.

E così la tua forza creatrice ed i tuoi entusiasmi si sono lentamente affievoliti, fino a spegnersi.

Così hai messo da parte i tuoi sogni, anche quelli che davvero volevi realizzare, e ti sei adattata ad un ruolo che le persone intorno a te e “che ti amano” ti hanno caldamente suggerito di ricoprire.

Magari, poi, hai vissuto per anni una vita cercando di starci, in quel ruolo, il più possibile. Per non deludere, per non rattristare, per non spaventare le persone che ami, cercando di mettere a tacere quella voce che, ogni tanto, si fa ancora sentire.
Per non provare più dolore, per non sentirti fallita.

 

Ma dentro di te qualcosa si è spento, giorno dopo giorno, e ti ritrovi ad essere una Donna di mezza età che non sa più dove collocarsi.

I figli sono cresciuti, e non hanno più bisogno della tua presenza costante.
Tuo marito ha fatto la sua carriera ed è soddisfatto.


E tu?

 

Tu sei li, che ti guardi allo specchio ogni mattina e non ti riconosci più.
Non riconosci quelle rughe che solcano il tuo viso, non riconosci quegli occhi che hanno accumulato tanta gioia, si, ma anche lasciano trapelare quel velo di tristezza che si è accumulato silenziosamente per anni.

“E ora cosa faccio? Ho buttato via la mia vita…”

E il tuo corpo che sta cambiando, di nuovo, portandoti piano piano verso la tanto demonizzata “menopausa”.
La odi già, pur non avendola ancora vissuta davvero.
La odi perché sai già come andrà a finire: prenderai peso, i tuoi ormoni impazziranno, il tuo umore ne risentirà e ti sentirai ancora più inadatta ed infelice.
Ed osserverai le altre donne, quelle “giovani” e proverai invidia, perché loro sono ancora belle, loro sono ancora nella possibilità di realizzarsi e di fare quello che tu non hai potuto fare.

Tante, troppe volte sento racconti come questo.


“Tu non puoi capire” qualcuno potrebbe pensare di me.
E se, invece, io vedessi semplicemente tutto questo con altri occhi, quelli dell’Amore?

Ognuno di noi ha fatto delle scelte e ognuno di noi ha pagato i suoi conti perché, per ogni scelta, per ogni bivio, c’è sempre un risvolto bianco ed uno nero.

Forse la cosa più importante, la domanda più interessante può essere

“Perché non ho seguito i miei sogni?”
“Perché mi sono lasciata convincere a rinunciarvi?”

 

Perché la Vita ha, in sé, il libero arbitrio.
Perché si sceglie, ogni giorno, come stare e cosa fare, soprattutto per persone che, come noi, siamo nate in paesi liberi in cui ci è stata donata la libertà.
L’unica domanda che avrebbe senso farsi, forse, è “Perché ho preferito ascoltare gli altri e non me stessa??”

Ma ha senso continuare a guardarsi intorno e a piangersi addosso sulle scelte fatte?
Ha senso, ora, giudicarsi e dire che non “siamo servite a niente” o che non abbiamo fatto niente di buono?

Quanto senso avrebbe, invece, riconoscere che abbiamo fatto delle scelte e che, comunque, ci hanno insegnato qualcosa importante di noi?
Quantomeno a non fare come hanno fatto le “persone che ci amavano”, dicendo di non illuderci e chiedendoci, giorno dopo giorno, di rinunciare ai nostri sogni.

 

La Vita è sempre perfetta.
Ora tu hai la possibilità di fare diversamente da loro, puoi incitare i tuoi figli o le persone che ami a dare il meglio di Sé, perché realizzino i propri sogni.

 

Ci hai mai pensato a questo?
E hai mai pensato di essere, ora, una risorsa importantissima per gli altri, anche per il semplice fatto di aver vissuto un’esperienza che ti ha lasciato un messaggio da trasmettere?

 

Per questo, cara Donna, accogli la tua Storia.
Accogli le tue scelte perché dentro di te lo sai che, quando le hai prese, eri certa che fossero le più giuste in quel momento.

 

Accogli Te stessa, la tua Storia, e diffondine la saggezza.
Accogli la tua età ed il cambiamento che è in atto in te e sai perché?
Perché la tua vita non è conclusa, anzi! Perché puoi ancora avere nuovi sogni, puoi ancora realizzarli e, soprattutto, le persone che sono al tuo fianco hanno bisogno della tua Storia e del tuo esempio, sempre.

 

Ci hai mai pensato?